1. Violenza di gruppo


    Data: 27/11/2017, Categorie: Orge, Autore: Alfr2015, Fonte: EroticiRacconti

    Violenza di gruppo. Talvolta nelle calde sere d'estate andavamo con mia moglie a fare un giro in macchina per le strade, frequentate da puttane e trans, della cittadina distante quindici chilometri dalla nostra residenza. L'andatura era lenta nel pieno rispetto dei 50 chilometri all'ora dei centri abitati. Arrivati nella zone del sesso facevamo dei giri per le strade ripassando più volte negli stessi punti avendo così modo di vedere bene le varie prostitute con il loro abbigliamento discinto per catturare l'attenzione dei clienti. Non v'è dubbio che i trans erano i più provocanti perché sembravano donne con il sedere nudo solo parzialmente coperto da minuscole minigonne. Non mancavano da parte nostra commenti sui vari soggetti osservati che aumentavano la nostra eccitazione, anche perché fin che guidavo masturbavo la fica di mia moglie a cui avevo fatto togliere le mutandine e che era già abbondantemente bagnata. I suoi capezzoli erano turgidi e duri, e segnavano la leggera camicetta. Dopo alcuni giri proseguì in una strada buia che incuteva un po' di timore anche perché mi sembrò che una macchina ci seguisse. Presi una buca e mi fermai scendendo dalla macchina per constatare se avevo fatto danni sull'avantreno. Dalla macchina che ci seguiva scese una persona che rapidamente sali in macchina e parti di scatto. Io ero abbagliato dai fari della macchina che seguiva per cui in un attimo mi ritrovai da solo nella strada buia. Mi avevano preso la macchina e si erano diretti ...
    verso la stazione. A piedi mi misi a camminare in quella direzione. Immaginavo dove si fossero diretti e chi fossero. Protettori delle prostitute disturbati dalle nostre ronde. Solo che avevano preso mia moglie che temevo sarebbe stata vittima delle loro ritorsioni. Di solito per fare l'amore si andava sotto il cavalcavia dove c'era una zona buia e con scarso passaggio di macchine. Erano passati quasi trenta minuti. Ormai ero quasi arrivato. Scorsi la mia macchina parcheggiata a fari spenti. Vicino c'era anche l'altra macchina che ci aveva seguito e si vedevano alcune figure. Tre forse quattro. Raccolsi da terra dei sassi e gridai per spaventarli. Ci fu una reazione improvvisa: si accesero i fari della macchina che ci aveva seguito, le figure risalirono in macchina che parti' sgommando e si allontanò velocemente verso il centro città. Finalmente ero arrivato e guardai all'interno della mia macchina dov'era mia moglie. La trovai sul divanetto posteriore, raccolta su un angolo. Aprii la portiera e vidi mia moglie con la sottana alzata sulla pancia,le gambe divaricate, il triangolo nero della fica spiccava sulla pelle bianca del ventre e delle gambe.Tutta sporca di spruzzi di sperma sul ventre e sulle gambe. Sembrava un po' inebetita. Aveva la camicetta aperta con i seni nudi. Si capiva che le avevano palpeggiato il seno. Anche la faccia e la bocca erano piene di sboro. Mi sedetti accanto e l'abbracciai forte dicendole: Tranquilla, è tutto finito. Se ne sono andati. Presi dei ...
«12»