1. Violenza di gruppo


    Data: 27/11/2017, Categorie: Orge, Autore: Alfr2015, Fonte: EroticiRacconti

    fazzoletti di carta e cominciai a pulirle la faccia dalle abbondanti tracce di sperma. La baciai per rasserenarla. Poi passai a pulirle delicatamente il ventre e la fica che era ancora aperta e da cui colava sborro. Poi proseguii a pulirle le gambe. La aiutai a scendere dalla macchina per farla salire davanti, accanto a me. Accesi la macchina e lentamente partii in direzione di casa. Tranquilla è tutto passato. Cosa ti hanno fatto ? Erano in quattro, rispose. Quando e' salito in macchina sono rimasta paralizzata dalla paura. Ero senza mutandine con la fica in vista. Mi ha detto di non aver paura che ci sarebbe stato da divertirsi con i suoi amici che ci seguivano. Arrivati sul posto dove mi hai trovata mi hanno fatto salire sul divanetto posteriore dove uno di loro, un uomo massiccio con un grande uccello. mi ha violentata. Aveva un cazzo enorme ma non ha fatto fatica perché ero tutta bagnata da prima quando mi avevi masturbata. Alla fine mi ha sborrato dentro. Devo ammettere che mi ha fatto godere, anche se non volevo. Mi ha sollecitato il clitoride durante la penetrazione. Ero tutta bagnata. Mi ha palpeggiato anche i seni. Lui è sceso ed è entrato subito un altro più giovane che ...
    aveva il cazzo in tiro, se l'era preparato segandosi finche aspettava il suo turno. Ha voluto che gli facessi un bocchino ma non è durato a lungo perché era troppo eccitato e mi ha sborrato in bocca e parte sulla faccia. Non ho avuto tempo di riprendermi che è entrato il terzo che mi ha chiavato a lungo con calma facendomi godere ripetutamente. Non mi riuscivo più a controllarmi. Ha estratto il cazzo e mi ha schizzato dappertutto. Non finiva mai. Poi è arrivato l'ultimo che mi è entrato in fica e mi ha cavalcata furiosamente. Era assatanato dalla lunga attesa e dai commenti soddisfatti dei suoi amici che lo avevano preceduto. Scivolava dentro alla mia fica alla grande perché ero tutta aperta e piena di sborro delle precedenti chiavate. Mi sono sentita un po' puttana. Ha fatto in tempo a sborrare quando hanno deciso di andarsene di corsa. Sono protettori di prostitute infastidite dai nostri giri. Hanno detto che così hanno soddisfatto le mie voglie pruriginose che mi spingono a venir a guardare le puttane mentre, hanno detto, a tuo marito la prossima volta gli facciamo rompere il culo da una trans. Penso proprio sia meglio che ce ne stiamo a casa nostra. "Ma è vero che hai goduto tanto ?"
«12»