1. Ladybutterfly - Ricordi delle mie prime esperienze


    Data: 28/11/2017, Categorie: Etero, Autoerotismo, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Non avevo mai visto un pene... non prima di iniziare a scoprire il sesso su internet. Attraverso le chat ero continuamente contattatata da uomini più o meno giovani che mi inviavano foto delle loro erezioni ed eiaculazioni. Mi piaceva vederle, ma non ero mai andata oltre alle conversazioni sporche in cui davo libero sfogo alla mia fantasia. Questo finché non conobbi Riccardo. Aveva qualche anno in più di me, era davvero bello. Sin dalla prima conversazione mi disse che mi trovava molto carina e simpatica e dopo la conoscenza telematica decidemmo di incontrarci di persona. Al primo appuntamento ci ritrovammo in un parchetto vicino alla ferrovia. Passammo tutto il tempo a chiacchierare, mi piaceva molto e non capivo se questa attrazione fosse ricambiata, più che altro temevo lui mi vedesse come una bambina. Ma quando si fece ora di salutarci rimasi stupita nel sentirgli dire -Allora dici che sono troppo grande per te? Ormai penso si sia capito che mi piaci-. Mi sentii il cuore battere a mille e le ginocchia tremolanti a quelle parole -No, forse sono io che sono troppo piccola per te... dato che non hai provato nemmeno a baciarmi- ...
    gli dissi arrossendo. Lui non se lo fece dire due volte, mi prese per mano e mi portò dietro a un albero. Quel parco era già poco frequentato, poi lì eravamo lontani da qualsiasi sguardo indiscreto. Così iniziò a baciarmi. Non era il mio primo bacio, ma per la prima volta provai quella strana sensazione di bagnarmi le mutandine. Fu un bacio lungo e intenso, durante il quale lui ebbe tutto il tempo di infilarmi la mano sotto la gonnellina, spostarmi le mutandine e accorgersi che avevo la vagina completamente bagnata. Emisi un gemito di piacere che lo eccitò a tal punto da sentire il bisogno di portarsi la mano nei pantaloni. Le nostre lingue continuavano ad attorcigliarsi, tanto che ai lati iniziava a colare della saliva, sentivo la sua mano muoversi velocemente sotto i suoi pantaloni, finché non emise tre sospiri profondi. Aveva stampata sul volto un'espressione quasi di sofferenza, dopo qualche secondo mi sorrise e tirò fuori la mano dai pantaloni completamente ricoperta di sperma. -Hai ancora dubbi? Ne è così tanta perché mi piaci tanto. Ci sentiamo in chat- Mi diede un bacio e si allontanò pulendosi le mani con un fazzolettino.
«1»