1. Una mamma come poche in un paesino come tanti - Cap.2


    Data: 29/11/2017, Categorie: Prime esperienze, Autore: Phicomane, Fonte: Annunci69

    Quel giorno sulla spiaggia grazie all'aiuto di mia madre capii come dare sollievo a quelle pulsioni che ormai da giorni bombardavano la mia mente e il mio corpo, solo che come aveva detto mia madre da allora avrei dovuto pensarci da solo... La nostra vacanza al villaggio nudista non era ancora finita mancavano 3 giorni prima di rientrare a casa e mia madre decise di godersi appieno quel che restava della vacanza, da allora la nostra vita cambiò e mia madre si mostrò per ciò che era veramente una donna lussuriosa che amava il sesso più di ogni altra cosa, come dice la canzone c'è chi l'amore lo fa per noia chi per professione mia madre per passione! In quei tre giorni la nostra camera diventò una specie di bordello in cui un vai e vieni di ragazzi e uomini maturi si alterano per appagare le voglie insaziabili della mia genitrice, che faceva tutto alla luce del sole così come anch'io colto da una febbre ormonale ed ormai svezzato ai piaceri della masturbazione appagavo solitariamente la mia eccitazione. Mia madre decise che non sarebbe mai nascosta da me, tra madre e figlio non devono esserci segreti di nessun tipo: "piccolo mio devi metterti in testa che tua madre è una donna libera a cui piace godersi la vita, e il sesso più di ogni altra cosa, al sesso non rinuncerò mai, per nessuna ragione al mondo, così come tu se vuoi puoi guardare spiare e sollazzare il tuo pisellino da adolescente senza nasconderti o vergognarti". E così facemmo entrambi... Mia madre era dipendente ...
    dal sesso e per il sesso io ero dipendente da mia madre, se guardavo un altra donna non riuscivo a provare la ben che minima attrazione, ma bastava posare anche solo per un secondo lo sguardo su di lei e il sangue cominciava a pulsare e ribollirmi nelle vene, così non le perdevo di vista neanche per un secondo, la seguivo come un ombra ovunque andasse. Anche quella ultima notte al villaggio prima del rientro a casa, la seguii quando uscì furtivamente dalla camera, credendo che io dormissi. Ma l'ho seguita mentre si incontrava con i tre ragazzi conosciuti al bar prima di cena, e con loro andava sulla spiaggia deserta, la spiavo mentre si inginocchiò davanti a quei tre ragazzoni e cominciò a giocare con i loro membri fino a farli indurire completamente, la ammiravo mentre li inghiottiva per intero a turno e nel frattempo segava gli altri. -"mmm che buon sapore che hanno i vostri cazzi e duri, li voglio per me per tutta la notte, voglio tornare a casa piena del vostro seme in ogni mio buco...mmm" Mentre continuava ad ingoiare a turno i cazzi, i tre ragazzi le palpavano le tette e il culo insultandola pesantemente, cosa che non faceva altro che aumentare il desiderio di mia madre - "oh si si così sono la vostra troia, la vostra puttana, sono una lurida cagna buona solo per scopare e ingoiare cazzi..." Dopo essersi dedicata ai tre amanti decise che era arrivato anche il suo turno così fece sdraiare uno dei tre e si impalò sul suo membro duro come la pietra cominciando a cavalcarlo ...
«12»