1. Cavallonero23cm - Sesso a pagamento


    Data: 02/12/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: freek1977, Fonte: Annunci69

    Avete mai pagato qualcuno per fare sesso? Fino a poco tempo fa io non lo avevo mai fatto ma, dopo averlo provato, posso dire che ne è valsa davvero la pena: la cifra spesa è stata davvero irrisoria in confronto al godimento che ho provato e non me ne pento assolutamente. Tutto è successo un paio di mesi fa, ma il ricordo di quel pomeriggio è ancora così vivido nella mia mente che è come se fosse accaduto ieri; tutto è cominciato quando ho aperto Grindr (credo che conosciate tutti questa applicazione) e mi sono trovato davanti quel nick, che ha subito attirato la mia attenzione: CAVALLONERO23CM. Non ho potuto fare a meno di scrivergli, anche se ero praticamente certo che fosse un marchettaro, e dopo i saluti iniziali ne ho avuto la certezza: era un ragazzo brasiliano, di passaggio ad Ancona, che cercava di racimolare qualche soldo facendo sesso a pagamento. La curiosità cresceva dentro di me, soprattutto desideravo sapere se quel "23 cm" corrispondesse alla realtà e continuai a fare domande, finchè non mi ha mandato un paio di foto: una del fisico e una del cazzo; era un ragazzo davvero bello, con un fisico muscoloso e una pelle color cioccolato al latte che solo a vederlo mi faceva eccitare e, soprattutto, aveva un cazzo enorme. Non so dire se fossero davvero 23 cm, però era sicuramente un gran bel cazzo e, a quel punto, non rimaneva altro che fare la fatidica domanda "quanto vuoi?"; la risposta fu secca "70 euro e ti scopo", ma sinceramente mi sembrò una cifra troppo alta ...
    da spendere per una chiavata "mi dispiace, è troppo per me, non li ho 70 euro" e, inaspettatamente, anzichè mollare, il brasiliano rilanciò "quanto hai?". A quel punto, mi sembrò doveroso sparare una cifra bassa, cosicché avrei potuto mercanteggiare e arrivare ad un accordo, ma quando gli scrissi che potevo arrivare soltanto fino a 30 euro, mi stupì nuovamente, accettando la mia proposta e aggiungendo "c'è crisi per tutti", quasi come a volermi consolare. Non sapevo che fare: accettare di andare da lui e pagarlo per farmi scopare o rinunciare, dicendogli che la mia era solo curiosità? Da un lato, l'idea di dover pagare qualcuno per fare sesso, mi faceva rabbrividire, ma dall'altro, più guardavo la sua foto e più la voglia di assaggiare quel cazzone color cioccolato cresceva dentro di me. Alla fine, la voglia di cazzo ebbe la meglio: avrei potuto essere scopato da quel ragazzo così figo e così ben dotato per una cifra modesta, quindi accettai e ci mettemmo d'accordo per l'orario, quando mi diede l'indirizzo aggiunse che mi sarei dovuto lavare molto bene perchè il suo cazzone "arriva in fondo"; mi preparai con cura, lavandomi con la peretta, mi vestii e con un po' di emozione andai all'appuntamento. Il ragazzo alloggiava in un residence, quindi non dovetti neanche passare alla reception per lasciare i documenti, presi l'ascensore con il cuore che batteva sempre più forte e arrivai davanti alla porta del suo appartamento, che era già aperta, entrai e me lo ritrovai davanti, bello ...
«123»