1. Quando esplode la passione....


    Data: 02/12/2017, Categorie: Tradimenti, Autore: Padronedeltuopiacere, Fonte: Annunci69

    Questo e' il racconto di una delle tante avventure trasgressive fatte con una mia sweet, che frequento ormai da cinque anni. Ci conoscemmo in chat, e il primo contatto era per giocare in tre, col marito. Dopo la conoscenza via rete, ando' in vacanza una settimana, e non ci sentimmo piu'. Tornata, ricominciammo a chiaccherare, ed un bel giorno mi si presento' in negozio. Ci conoscemmo e scatto'qualcosa di particolare, tanto che mi disse subito che questa sarebbe stata una cosa solo sua, ed ancora oggi il marito e' ignaro di tutto. A parte questo, lei in quel periodo lavorava in un ristorante, lo gestiva col marito, a poche centinaia di metri dal mio negozio. Ci vedevamo spesso, o nell'ora, o nella giornata. E' una donna meravigliosa, capelli rosso fuoco, la sensualita' concentrata in una donna. Vistosa ma con classe, con caratteristiche che solo lei ha. Comunque... Quel giorno, mi scrisse che avrebbe dovuto fare delle commissioni in centro, e sarebbe uscita da li a poco dal lavoro. Avrebbe voluto prendere un caffe' e fare quattro chiacchere. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Io ben contento le dissi di si, e le detti un appuntamento da li a poco, in una piazza dove c'era un bar. Molto tranquillo e senza grosse velleita', mi misi ad aspettarla, passeggiando su e giu' per la piazza. Ad un certo punto la vidi, era estate, con la chioma rosso fuoco risplendente al sole, con un vestitino a tubino nero, abbastanza corto, e i suoi zatteroni tipici.... Che bella pensai.... E' ...
    unica.... Ci avvicinammo e ci abbracciammo dolcemente, ci baciammo e....... Appena baciata, la presi per un fianco per dirigersi al bar, e li successe tutto! Passandole la mano dietro la schiena, la feci scivolare sul culo. Mi accorsi immediatamente che sotto non aveva niente. Non so cosa si scateno', era gia successo, ma quella volta mi si accese tutta una serie di scosse terribili, incontrollabili! Le dissi: cazzo, sei nuda! E lei: si amore...! E nel dirlo aveva una sguardo tipico suo, un misto tra il provocatorio, il dolce e l'arrabbiato... Non saprei cone definirlo, forse "torbido".... Le dissi che il caffe' non ci stava proprio. Prendi la macchina che andiamo da qualche parte e anche velocemente! Senza colpo ferire ando' a prenderla e io andai alla guida. Sorridevamo, e gli sguardi si incrociavano, in un misto di agitazione, fretta e lussuria. Mi diressi subito verso il garage che ho in centro, a dieci minuti. Da li, appena posteggiato , fu un crescendo senza fine. Ci baciammo, le lingue si intrecciavano, passavano dal collo alle orecchie, alle labbra, le mie mani le tirarono su il vestito fino alle anche, ed iniziarono a masturbarla furiosamente, mentre lei mi toccava il cazzo, e con la stessa furia mi slacciava i pantaloni. Lo tiro' fuori, duro come il legno, si chino' ed inizio' una pompa veloce, le entrava ed usciva dalla bocca, lo leccava, leccava i testicoli ed io continuavo da dietro a masturbarla con forza, mentre con l'altra mano le afferravo i capelli e la ...
«12»