1. Convention aziendale a sorpresa


    Data: 03/12/2017, Categorie: Trio, Autore: PhoenX79, Fonte: EroticiRacconti

    Marta e l'altra stagista si odiano: "guarda come se la tira quella stronzetta, manco ce l'avesse solo lei". Non ce l'avrà solo lei ma, cazzo, che gnocca! Claudia ha due tette che mi fanno schizzare gli occhi dalle orbite ogni volta che la vedo. La simpatia non è il suo punto di forza ma mangiare una pizza insieme non è certo la prima cosa che mi viene in mente quando la guardo. L'antipatia tra loro è una evidente competizione tra donne: con gli uomini, sul lavoro ma anche nella squadra di pallavolo aziendale. A un certo punto però le cose cambiano. Partono per un torneo europeo contro le altre filiali e, magicamente, tornano in ufficio che sono pappa e ciccia: pause sigaretta sempre insieme, abbracci e risate a non finire. Devo dire che un po' mi rode perché Marta caga meno me. Non mi spiaceva sorbirmi le sue sfuriate, anche perché poi ci scappava sempre almeno un pompino. Decido allora di autoinvitarmi a pranzo, deciso a capirne di più. "Insomma raccontatemi un po', come è andato 'sto torneo?". Dopo un infinito racconto iperdettagliato finalmente qualcosa di inaspettatamente interessante. Marta abbassa la voce, sguardo di intesa con la sua nuova amica e mi dice "Sul campo ce la siamo cavata ma è negli spogliatoi che abbiamo dato il nostro meglio" e mi mostra una foto sul cell: loro due, nude, avvinghiate e intente ad infilarsi le lingue più in fondo possibile. Subito dopo mi mette una mano sui pantaloni e, senza alcun problema a farsi sentire da lei: "Porco, ti sei eccitato ...
    eh?". Messo un po' a disagio dai loro occhi sul mio pacco provo a uscirne in modo elegante: "ehm, posso offrirvi un caffè?". Risata corale è la cosa è finita lì. Poco dopo, prima di una riunione. "Di la verità, ti piace Giada. Hai visto che tette? Dimmi che non vorresti ti facesse una bella spagnola...". Incerto su cosa risponderle per non farla ingelosire cambio discorso: "Prima pensavo... ma mentre voi limonavate chi vi ha scattato la foto?". Marta mi spiega che dopo aver aperto le danze lo spogliatoio si è infiammato. Riprende il cell, mette l'audio al minimo e fa partire un video: "Guarda un po' quella santarellina delle risorse umane". Ed eccole lì tutte e tre, intrecciate, a leccarsi, accarezzarsi, masturbarsi l'un l'altra senza alcun pudore davanti alle colleghe. Sguardi infastiditi, sguardi disgustati, sguardi intimiditi ma, comunque, sguardi. Erano tutte lì a guardarle e, chissà, forse a invidiarle per la loro inibizione sessuale. Durante la riunione la mia testa era altrove, e Marta lì a sorridere sorniona come a dire "sgamato!". La settimana dopo era in programma la convention aziendale, prevista nel solito hotel 4 stelle fuori città. Dopo la lunga cena e i larghi (ipocriti) sorrisi sono distrutto e penso solo a ficcarmi a letto. Doccia al volo, sto per spegnere il cellulare quando mi trovò un whatsapp di Marta. Foto in reggiseno, sguardo ammiccante e un testo che sa più di ordine che di invito: stanza 409. Giusto il tempo di vestirmi e mi fiondo in camera sua. È ...
«12»