1. la prima volta cap.2


    Data: 03/12/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: fiore71, Fonte: Annunci69

    Il pomeriggio era appena iniziato. Andai in bagno a sistemarmi, entravo sempre di più nella parte che mi ero scelto, volevo essere quanto più femminile e troia fosse possibile, quando tornai in soggiorno erano seduti sul divano, con i loro spledidi cazzi in mano a godersi il film, mi sistemai ai loro piedi e cominciai a masturbarli stuzzicandoli anche con la punta della lingua, in pochi minuti eravamo già pronti per un altra scopata, ma volevo di più, stavo assaporando l'essere donna e volevo che la cosa non finisse subito, oltre che il culo volevo che mi prendessero anche la mente, quindi dissi "vorrei che da questo momento quando siamo da soli, e se vi fa piacere, mi chiamaste Fiore, e poi vorrei essere corteggiata e vezzegiata come se fossi la vostra ragazza" , furono entusiasti di questa mia proposta e anzi Marco disse che visto che ero la loro ragazza, da quel momento avrei indossato sempre intimo femminile, ne fui molto felice, il mio sogno di trasformarmi in una vera troia si stava proprio realizzando. Li feci alzare mi inginocchiai e cominiciai a pomparli e masturbarli, godettero quasi contemporaneamente inondandomi la faccia e la bocca on il loro caldo e denso nettare, ci trasferimmo in bagno e cominciarono a lavarmi, naturalmente si passo subito alle carezze ed ai massaggi, con Marco che voleva assolutamente scoparmi, tanto diceva ora sei gia ...
    allargato da Paolo e sicuramente riusciro ad entrare, io veramentte avevo un pò di paura, Marco comincio a leccarmi il bukino, ed ad allargarmelo con le dita, stavo di nuovo eccitandomi, dissi a Marco di prendere una crema di mia madre, e di spalmarmi il bukino e la sua asta, adesso ero pronto e volevo il cazzo di Marco, al pensiero di essere posseduto da quel bel cazzone la mia eccitazione era alle stelle, finalmente lo sentii spingere contro lo sfintere e subito lo sentii scivolare dentro, il dolore che avevo provato prima quando ero stato deflorato da Paolo, non era neanche lontanamente simile, sentivo quel bastone di carne dentro di me, e mi sembrava di essere spaccato letteralmente in 2, chiesi a Marco di non muoversi per qualche istante, finalmente le pareti anali si abituarono a quell'intrusione, e cominciai a goderne, al punto di sentirmi sempre più donna (femmina) e troia, " dai su spaccami amore sono la tua troietta, tua e di Paolo, voglio sentirlo tutto dentro voglio essere chiavata e sbattuta dal tuo splendido cazzo", mi girava quasi la testa come un senso di vertigine per il piacere che provavo, poi i colpi si fecero più veloci e profondi, e sentii la sborra di Marco risalirmi nel ventre, e godetti come non avevo mai goduto prima, mentre Marco mi gridava "vengoooo Amore e ti riempio il culo della mia sborra" .... alla prossima, l'estate fu ancora lunga .
«1»