1. Umiliata ed oltre


    Data: 04/12/2017, Categorie: Dominazione, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Era un suo sogno e si parlava tra noi per farlo diventare realtà, me ne occupai per quasi un mese per cercare la possibilità di realizzarlo e alla fine ci riuscii, a Marina per tutto quel periodo non dissi nulla, e non sospettava Niente. Una sera era giovedì e le annunciai l’evento ma senza dirle i particolari, e andò cosi. Arrivato a casa mi comporto come al solito, chiaccherò dei problemi sul lavoro e di banalità solite tra me e Marina, poi dopo cena mentre guarda la tv, vado a prendere il suo cazzone in lattice, mi avvicino e comincio a stuzzicarla si lascia fare, e mentre lo infilo nella sua figa bagnata con un dito le apro il culetto, dopo un po’ comincia a chiedermi di trattarla da puttana, allora io duramente le ordino di mettersi in ginocchio alla pecorina, Marina lo fà prontamente, e mentre e in quella posizione sul tappeto le infilo il grosso fallo nel culo, Marina grida“dai porco sfondamelo” e mentre lo dice con le mai si divarica le natiche e io le infilo il cazzone di lattice per circa 20 centimetri, e cosi questi le resta impiantato dentro, io mi sposto più in la per ammirarla nuda per terra con quel grosso cazzone dentro il culo e le sue enormi tette penzolanti, camminando a carponi si avvicina e apre la bocca per ingoiare il mio cazzo duro, e mentre la chiavo in bocca, stantuffando e facendolo arrivare fino in gola che le annuncio la sorpresa.“puttana avresti voglia di essere la troia di tanti uomini” e Marina mi risponde“siii voglio essere usata come una ...
    vacca, faro tutto quello che vogliono , .. dai maiale” e io con una mano do un colpo forte al cazzo in lattice, conficcandolo ancora di più nel suo culo, Marina fà un urlo poi si infila ancora di più il mio cazzo in gola, come per soffocare il dolore, e poi le dico“partiamo venerdì e si torna domenica sera ti ho organizzato una sorpresa, non chiedermi nulla ti prometto che sarai la vacca di tanti uomini” e cosi dicendo estraggo il cazzo dalla bocca e un getto della mia sborra le colpisce la faccia, Marina allora prontamente cerca di riacchiapparlo con la bocca ma io lo sposto e i restanti spruzzi un po’ le vanno negli occhi e un po’ per terra . Marina si ribella e mi dice“io sono venuta ma sento che posso venire di nuovo dai porco” e cosi dicendo le spingo il cazzone di lattice ancora più forte nel culo e mentre lo faccio Marina gode e le ordino“pulisci la sborra per terra troia” e Marina si abbassa e con la lingua lecca la sborra sul pavimento, mentre il cazzone in lattice entra e esce dal suo culo ormai completamente aperto. E cosi leccando e in quella posizione se ne viene fremendo come una cagna. Arrivo venerdì e avendo sentito mia moglie al telefono le ricordai di prepararsi per la sorpresa, era eccitata e il pomeriggio era andata a comprarsi della biancheria intima molto sexy, lai adora mettersi il reggicalze o una gueppiere, la fa sentire più provocante e sexy. Arrivati a casa io infilo in una borsa alcune cose, invece Marina ha gia preparato la sua, per la strada e ...
«1234...10»