1. L' ultima volta ( Un nuovo inizio )


    Data: 05/12/2017, Categorie: dominazione, Autore: Carol, Fonte: EroticiRacconti

    -Ti prego....un' ultima volta, poi non te lo chiederò mai più! Aiutami ti prego....- Lei lo guardò con rabbia, odiava quell'uomo con tutte le sue forze, le aveva rubato ogni briciolo di dignità, la capacità di amare....l'aveva ridotta ad un essere incapace di provare emozioni succhiando la sua linfa vitale e consumandola ogni giorno sempre di più. Ed ora era innanzi a lei a ripeterle quelle parole che negli anni aveva sentito decine di volte..."l' ultima volta".....certo, come sempre. Lei sorrise con disgusto e guardò il suo uomo... -Di quanto hai bisogno questa volta?- gli domandò inespressiva. Il volto di lui si illumino' come un bambino davanti a un nuovo gioco: -2000 €, solo 2000....grazie, grazie...ti amo.- Era eccitatissimo. Lei prontamente ribatte' :- Si si....ad un patto però....- Lui la guardò preoccupato:-Tutto ciò che vuoi.- Si aspettava questa risposta. -Gli uomini che mi scoperanno stasera li voglio scegliere io.-Lui la guardò sollevato e acconsentì...gli interessavano solo i 2000€. ......... Bussarono alla porta. Lei aprì. Fece entrare i tre uomini che aveva accuratamente scelto: erano tre splendidi ragazzi dall' aspetto molto curato, non i soliti sporchi, trasandati e puzzolenti porci che portava a casa lui. Prese per mano quello che sembrava il più timido mentre con l' altra mano si sbottonava la camicetta lasciando libero un seno florido e prorompente. Il bastardo che l' aveva venduta si sedette sulla solita sedia nell' angolo, pronto a gustarsi quello ...
    spettacolino a cui tante volte aveva assistito. Si era spogliato completamente, incurante degli sguardi dei tre estranei. Lei nel frattempo sollevò la mano del ragazzo e se la posò sul seno sinistro, mentre con l' altra fece cenno agli altri due di avvicinarsi...voleva finire in fretta. I due come dei soldatini si avvicinarono immediatamente, pronti ad eseguire ogni suo ordine. Questa volta, "l' ultima", voleva essere lei a godere. Si spostò verso il tavolo della cucina e vi si sedette . Sollevò la gonna e divarico' le gambe, non indossava gli slip. I tre uomini davanti a lei ammirarono la sua natura completamente aperta e pronta a ricevere un trattamento speciale. Uno dei tre si avvicino' alle spalle e iniziò a palpeggiarle il seno con tocchi vigorosi mentre le sussurrava qualcosa all' orecchio. Lei sorrise e mugulo'. Un altro si abbassò ed iniziò ad esplorarle il sesso, dapprima con la lingua, in modo sapiente ed accurato, e poi con le dita, osservando la peluria rossa di lei che tanto pareva eccitarlo. Gli prese la testa tra le mani e lo guidò nel movimento. L' altro invece si masturbava in modo forsennato aspettando impaziente il suo turno. Quando l'amico si levo' finalmente anche lui poté dare il suo contributo dedicandosi al suo piccolo forellino pulsante. Lei iniziò a spingerlo e a contrarlo, poi, sollevando di più le gambe, si allargò con le mani le natiche. Il ragazzo era fuori di se. Infilò la lingua umida in quell' antre pulsante. Lei ormai era in preda al delirio....era ...
«123»