1. La strada interrotta


    Data: 05/12/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: mariuccia69, Fonte: Annunci69

    calda e limpida. Intanto il panzuto aveva desistito la spiaggia non era il suo territorio di caccia non aveva il fisico adatto. Questi predatori preferiscono stare lungo il sentiero della strada interrotta, vicino alla macchia mediterranea, luogo dove, una volta catturata la preda (consenziente), consumano il loro rito. Esistono due tipi di cacciatori, il cacciatore-attivo e quello passivo, ambedue sono predatori. Io intanto, libero anche visivamente dalla presenza di estranei non desiderati, mi misi a mio agio. Ero rimasto volutamente in pantaloncini, misi della crema abbronzante. Il sole era alto , lungo il bagnasciuga non c’era quasi nessuno a passeggiare, erano tutti sdraiati al sole immobili o si vedono in lontananza, all’ombra sotto gli ombrelloni. Tenuto conto, che per poter gustare le bellezze del luogo, non potendo arrivarci in macchina, non è consigliabile portare pesi, pertanto molti frequentatori di questa spiaggia non hanno l’ombrellone. Sdraiato sul telo da mare, con le natiche verso l’alto sfogliavo distrattamente il giornale, non era la lettura che mi aveva portato alla Bufalara. Mentre continuavo in questo esercizio svogliatamente, con la coda dell’occhio vedevo transitare sul sentiero diverse persone. Erano prevalentemente uomini , a torso nudo in pantaloncini o slip succinti in molti si fermavano, guardavano verso il basso puntavano quelli sdraiati sui teli o in acqua e qualcuno più audace per richiamare l’attenzione della potenziale preda-consenziente ...
    aveva le mani sui genitali. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Lontano da me avevo notato, forse un quarantenne palestrato che all’improvviso, dopo aver raccolto il telo e lo zaino con le proprie cose si era incamminato a passo svelto verso la collinetta di sabbia che porta dalla spiaggia al sentiero. Guardando in alto, notai il motivo di questa rapida manovra da parte del quarantenne. Affacciato dalla stradina aggettante sulla spiaggia, a torso nudo e in slip c’era un uomo di mezza età che dopo essersi fatto notare e aver ottenuto che la preda, cadesse in maniera consapevole nella trappola, si era allontanato, nascondendosi alla mia vista, all’interno della macchia. Di lì a poco, sapevo che il quarantenne palestrato l’avrebbe seguito,suppongo che era un rito già collaudato e che i due si conoscessero. Non so chi dei due era il passivo o l’attivo, ma tra poco si sarebbero incontrati e mi immaginavo, eccitandomi quello che sarebbe successo.Testicoli gonfi, cazzi turgidi con cappelle lucide che si incontravano. Mani che strusciavano sui pettorali, sulle natiche dita che stringevano capezzoli mani che palpavano testicoli.. dita che si avvolgevano contro cazzi sempre più gonfi bocche che succhiavano capezzoli calde e accoglienti che mungevano sborra calda cazzo che penetrava prima dolcemente poi violentemente dentro un culetto burroso i due uomini avrebbero scopato selvaggiamente senza ritegno godendo Io avevo abbandonato la lettura , assorto ormai in questi pensieri, sdraiato a ...