1. Corsa sotto la pioggia


    Data: 05/12/2017, Categorie: etero, Autore: Stefanetto, Fonte: EroticiRacconti

    Era una mattina di fine agosto come tutte le altre, anche se in realtà si sarebbe rivelata estremamente eccitante... Mi stavo preparando per andare a fare la mia consueta corsa di un'oretta lungo il percorso che costeggia il fiume, anche se ero indeciso per via del tempo. Grossi nuvoloni si stavano infatti ammassando verso nord ed io, un 25enne abituato ad andare a correre in pantaloncini e magliette attillate, temevo di prendermi una sonora lavata. Alla fine mi decisi e partii, sfidando il tempo. La scelta si rivelò azzeccata. Stavo correndo da 15 minuti circa, quando venni superato da una ragazza che sembrava avere più fretta di me. Lo spettacolo era eccezionale: i pantaloncini super attillati non nascondevano un culo fantastico, e le prime gocce di pioggia mettevano in risalto le strettissime mutandine sotto... Purtroppo non riuscii a vederla davanti, ma il modo in cui correva leggermente piegata mi suggeriva che doveva avere almeno una quarta... Svoltó veloce ad una curva , e pensai di non vederla più... Stava iniziando a piovere, la maglietta inizió ad appiccicarmisi addosso, insieme ai pantaloncini... Mi ricordai così di una tettoia di legno leggermente nascosta dietro il sentiero, saltata la staccionata... Distava poco meno di 300 metri , la raggiunsi accelerando la corsa. Proprio mentre riprendevo fiato, mi sentii rivolgere la parola: - conosci anche tu questo posto?- Era la ragazza che mi aveva superato, messasi al riparo come me sotto la tettoia. -Certo, sono mesi ...
    che vengo qui a correre- risposi imbarazzato... Avevo infatti notato che anche i suoi vestiti erano resi attillati e trasparenti dalla pioggia , e intravvidi di sfuggita 2 capezzoli resi turgidi dall'acqua fredda , e le mutandine visibilissime sotto gli shorts. Cercai di non pensarci e girai la testa, anche se il pene mi si era rizzato e cercava spazio tra i pantaloncini diventati troppo stretti... "Speriamo non se ne accorga, o chissà che figura di merda che faccio" pensai.. Provai a dire qualcosa per togliermi dalla mente quel culo e quelle tette , quando lei disse: - ho la maglietta fradicia, ti dispiace se la tolgo un attimo e la strizzo, mi prenderò un malanno altrimenti... Tranquillo, non sono una ragazza timida!!- è così facendo, si sollevò la t-shirt, facendo sballonzolare fuori le sue tettone, doveva avere una quarta, si! Belle rosee, con un capezzolo piccolo leggermente a punta, mi fecero eccitare terribilmente, anche se lei si girò subito dandomi la schiena e scusandosi per la sua mancanza di pudore.. -non preoccuparti! - dissi io, -non è che mi dispiaccia, anzi! - cercavo di fare il simpatico... -infatti non mi sembra proprio che ti dispiaccia, a giudicare da lui...- sorride maliziosamente lei, indicando il mio pacco. A quelle parole , il mio cazzo ormai era durissimo, e le palle sembravano esplodermi... -togliti la maglietta anche tu, o ti ammalerai.- mi consigliò Giulia ( così scoprii che si chiamava) .. Tolsi la maglietta e penso che anche lei rimase sorpresa, ...
«12»