1. Segretaria tuttofare


    Data: 06/12/2017, Categorie: Trio, Orge, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Si sa che giunti ad una svolta nella vita si debba fare di necessità virtù per cui, perso il lavoro, mi dovetti arrangiare a cercarne un altro.Inizialmente, forte del mio curriculum, pensai di non avere troppi problemi ed invece mi resi conto che a 38 anni ero considerata alla stregua di una 18enne alle prime armi ed anzi, l’età giocava a mio sfavore.Più passava il tempo e più mi scoraggiavo, la maggior parte delle volte poi si vedeva chiaramente che i colloqui vertevano quasi esclusivamente sulla disponibilità ad essere anche “carine” con il direttore del personale o altro.Le prime volte me ne andai sprezzante ma più colloqui facevo e meno possibilità avevo di essere assunta.Così decisi che dovevo fare buon viso a cattivo gioco.D’altra parte non ero certo da buttare via, i 38 anni non si facevano sentire più di tanto, alta 1,75 con un bel viso dagli occhi verdi e le labbra carnose, incorniciato da una chioma castana chiara, una 4^ abbondante di seno ancora piuttosto sodo ed i fianchi larghi, ma senza un grammo di cellulite, che facevano da cornice ad un bel fondoschiena calamita di parecchi sguardi, potevo considerarmi ancora “una bella figa”!!Così, decisa più che mai a trovare un posto decente, andai all’ennesimo colloquio ma con spirito ed atteggiamento decisamente diversi.Intanto l’abbigliamento, sexy senza essere eccessivo.Intimo di pizzo bianco con perizoma e reggiseno a balconcino coordinati, calze autoreggenti color pelle, minigonna a tubino con spacco posteriore, ...
    camicetta bianca, scarpe col tacco 12 ed allacciatura alla caviglia.Mi guardai allo specchio e mi trovai piuttosto bella e desiderabile.Infine mi truccai leggermente ma facendo risaltare i miei occhi verdi e le labbra, carnose ed invitanti.“Buongiorno signora…….!!” iniziò quello che poi seppi essere il direttore nonché proprietario della ditta quando arrivai al colloquio.“Elena….!!” tagliai corto“Buongiorno signora Elena…benvenuta…si accomodi!!”Scelsi la sedia più lontana dalla scrivania accavallando in modo sensuale le gambe facendo in modo di far risalire abbondantemente la stretta gonna e mostrare subito un’abbondante porzione di cosce.Si trattava di un posto di segretaria in una ditta di imballaggi, non la scelta migliore ma, date le circostanze, non potevo certo perdere anche quella occasione.“Sono Davide Colorini, il direttore della ditta e questo è Michele Andretti il mio vice e capo del personale!!” si presentò l’uomo che mi aveva accolta, un bell’uomo sui 45 anni brizzolato, alto più di 1,80 stimai, con un bel sorriso cordiale.Il vice era decisamente più giovane su 35 anni, anch’egli un uomo piacente, alto e prestante.Durante il colloquio sentivo gli sguardi sempre più eccitati dei due uomini che scrutavano attraverso la generosa scollatura il mio seno, i cui capezzoli sembravano voler bucare la leggera stoffa del reggiseno, o le mie gambe, anch’esse generosamente esposte, fino a far apparire il pizzo delle autoreggenti.Ovviamente non ebbi alcuna difficoltà a rispondere ...
«1234»