1. Un giorno all'improvviso


    Data: 06/12/2017, Categorie: trans, Autore: Jack101, Fonte: EroticiRacconti

    Estate 2016. Sto per iniziare uno stage di lavoro in una località balneare marchigiana. Ho 25 anni e sono eterosessuale...forse...Non sono delle Marche e proprio per ambientarmi al meglio e iniziare a fare qualche conoscenza in un luogo per me nuovo, decido di trasferirmi nella mia nuova città diverse settimane prima. Decido fin dalla prima notte di uscire, seppur solo, alla ricerca di qualche localino frequentato da ragazzi della mia età. Dopo essere entrato in un paio di localini e aver consumato qualche drink, senza essere riuscito a instaurare nessuna conversazione duratura con ragazzi e ragazze, aldilà di qualche scambio di battute, e colto da un po' di stanchezza per la prima giornata in una città nuova, decido di tornare a casa, che fortunatamente, si trova vicino al locale da cui sono appena uscito. Poco distante dall'ingresso, vedo un gruppetto di 5 persone, disposte in cerchio e intente a chiacchierare. L'occhio cade subito su una cavallona, che mi dava le spalle, con un abito color blu che metteva in risalto la forma del culo perfetto.Indossava dei tacchi, degli orecchini a forma di cerchio, e capelli neri lisci, che arrivavano fino alla schiena. Decido di accendermi una sigaretta e restare lì ad ammirarla.. Dopo 2, non 1, sigarette vedo che il gruppetto si disgrega, e la ragazza si incammina da sola allontanandosi dal locale...Preso da fremito, decido all'istante di seguirla...Non potendo camminarle dietro per l'eternità e non volendo passare per stalker (anche ...
    perchè credo si fosse accorta che la seguivo), prendo coraggio e decido di fermarla: "Scusa...Scusa" Lei si gira, ho il cuore che mi batte a mille anche perchè non so cosa dirle...e l'unica cosa che mi viene in mente è chiederle dove si trovi l'indirizzo della mio nuovo appartamentino (che poi è un monolocale). La sua risposta mi gela: "Non hai google maps?!". Dopo un attimo di silenzio le dico che ho il cellulare scarico, ma la mia non tempestiva risposta, il tono di voce e la mia espressione credo mi abbiano tradito (per usare un eufemismo). Lei comunque sembra stare al gioco, sorride e si offre di accompagnarmi. Salgo in macchina e dopo pochi minuti siamo sotto casa mia. Durante il breve tragitto le spiego dello stage, che sono appena arrivato in città e che l'avevo notata). Lei sorride, sembra aver capito tutto...e alla mia richiesta di seguirmi in casa acconsente. Entrati in casa e appurato, dopo qualche inconvenevole e qualche breve battuta ci ritroviamo faccia e faccia e iniziamo a baciarci...le nostre lingue si intrecciano e bacia da dio. Le palpo quel culo perfetto e il mio cazzo si indurisce piano piano dentro le mutande, fino a che non mi ritrovo nudo col mio arnese di 16 cm dentro la sua bocca golosa...Forse il miglior pompino mai ricevuto...la blocco per non venire troppo presto e le tolgo il vestitino...due tette da favola, capezzoli duri e scuri che si stagliavano su areole abbastanza piccole..inizio a succhiarglieli quando vedo che inizia a toccarsi sotto...e lì ...
«12»