1. La sorpresa di mia moglie


    Data: 07/12/2017, Categorie: Feticismo, Autore: gianninovicenza, Fonte: EroticiRacconti

    Era un periodo particolarmente infelice della mia vita coniugale. Il lavoro, lo stress, gli impegni famigliari avevano reso mia moglie ed io particolarmente stanchi ed anche distanti dal punto di vista sessuale: non vi era quella intesa che, invece, aveva contraddistinto fino a pochi mesi fa il nostro rapporto. Non mostravamo fisicamente nessun interesse reciproco, nonostante ci amassimo ancora. Questa situazione durava ormai da circa tre mesi ed io, dopo un iniziale periodo in cui ho cercato di comprendere la situazione di entrambi, iniziavo a dare i primi segni d’insofferenza. Ero diventato scorbutico, nervoso e decisamente poco tollerante. Al contrario mia moglie era semplicemente distaccata, quasi assente, cercando, con finta normalità, di continuare la vita di tutti i giorni. Poi, quasi improvvisamente, notai in moglie dei significativi cambiamenti. Iniziava ad uscire la sera con delle amiche che, sinceramente io non sapevo avesse visto che le sue conoscenze si limitavano all’ambito lavorativo. La cosa più evidente era che, aumentando la frequenza di queste uscite, la sua immagine cambiava radicalmente. Da donna il cui obiettivo non era sicuramente quello di apparire, mia moglie iniziò a curare particolarmente il proprio aspetto fisico. Si affidava frequentemente al parrucchiere per curare i propri capelli e si truccava con più attenzione. Inoltre tornava dalle cure dell’estetista con unghie sempre più lunghe, laccate rosso e squadrate sulla punta. Un sabto sera ...
    rientrai prima del previsto a casa ma mia moglie non se ne accorse. Sbirciai attraverso la porta socchiusa della camera e rimasi colpito. Stava indossando un incredibile corpetto in latex strettissimo in vita che metteva in evidenza i suoi fianchi e il suo sedere. Poi, con navigata sensualità, prese da un cassetto delle bellissime calze in nylon velate e le indossò con maestria. Ovviamente non aveva nessuno slip e direttamente si infilò in un bellissimo tailleur color nero. Completò l’opera con delle scarpe nere in vernice con un tacco a spillo vertiginoso. Mi nascosi in cucina attendendo che lei uscisse. Decisi di non seguirla per poi attenderla la sera che rientrasse per parlarne. Invece ricevetti di lì a poco una sua telefonata sul cellulare che mi invitava a cena: la cosa mi rese felice, perché pensavo che finalmente io e mia moglie potevano in qualche modo recuperare il rapporto ormai sbiadito. Al posto convenuto, prelevai mia moglie che salì in auto. Era bellissima ed estremamente sensuale. Avrei voluto possederla in quel momento ma non potevo e comunque ero talmente curioso che volevo attendere gli sviluppi della serata. Mi disse quindi che voleva farmi una sorpresa e quindi mi avrebbe portato in un locale che mai avevamo frequentato insieme. Perciò mi indicò la strada che ci portava fuori città. La cosa diventava intrigante perché, mentre guidavo, mia moglie, evidentemente eccitata, continuava a muovere il bacino come se se stesse continuamente godendo, provocandomi ...
«123»