1. Mamma mi guarda


    Data: 11/12/2017, Categorie: Incesti, Autore: califfo, Fonte: EroticiRacconti

    immaginiamo che le belle donne siano sempre eccitate e che ti possano offrire chissà che cosa, non è vero, anzi, le donne normali ti possono offrire molto di più, le grandi tette, morbide e cadenti, il sedere sodo dalla cellulite, il loro viso struccato al naturale e soprattutto la loro aria da non irraggiungibili o sul piedistallo. è il ritratto di mia mamma. posso raccontare la mia storia, il babbo, grande persona ma purtroppo sempre a lavoro, la mamma carla, regina della casa e io franco, sedici anni, foruncoloso, timido ma sempre arrapato. era estate e faceva molto caldo e avevo preso l'abitudine di fare una doccia anche durante la giornata, poco prima del bagno c'era una mattonella sconnessa e anche facendo attenzione faceva un piccolo rumore, non ci facevo mai caso, mamma girava sempre in casa ma due giorni alla fila mi sembrava strano, guardando verso il buco della serratura sempre senza chiave mi accorsi che cambiava la luce, mia mamma mi spiava. il giorno dopo ero pronto, appena sentii il rumore iniziai a segarmi sicuro di essere visto ma pensando a lei quando venni mi scappo un; siii mamma prendilo.... subito sentii il rumore della mattonella più forte, stava correndo, forse sconvolta !! ormai per me era diventata un ossessione e stavo sempre a segarmi, andavo in cantina dove babbo aveva nascosto delle riviste ma un giorno sento il rumore delle sue ciabatte giu per le scale, subito spengo la luce e mi nascondo dietro degli scatoloni, entra e subito verso di me ...
    nascosto credendo di essere scoperto ma si siede e prende le riviste e inizia a sfogliarle, sbottona la vestaglia, alza il reggiseno e abbassa le mutande, capezzoli ritti e aureole grandi come bicchieri, ma non riuscivo a togliere gli occhi dalla fica pelosa al naturale e iniziò a parlare! si franco, sono arrivata, abbracciami che la mamma ti vuole, vieni succhiami le tette, adesso abbassati i pantaloni che te lo prendo in bocca, mmmmmmbuono, ora che sei pronto vieni e mettimelo dentro, intanto se la allargava e metteva due diti dentro, potevo vedere la sua faccia, occhi chiusi e bocca aperta che ansimava fino a che non venne pronunciando il mio nome. a quel punto venni anche io ma nella fogafeci cadere una scatola, subito mi vide e si coperse girandosi ma non scappò, subito le fui vicino, mamma non ci sono problemi ti capisco, lei cercò di scusarsi piangendo, e io subito l'abbraccio confortandola ma lei si gira e riapre la vestaglia, vieni, voglio fare quello che stavo pensando e mi fa succhiare le tette poi si abbassa, me lo prende in bocca e inizia a pompare ma all'improvviso si alza accostandosi al muro, mi tira a se, mette un piede sopra una cassette, me lo prende in mano e se lo mette dentro, vado e vengo un tempo infinito sbattendola sul muro e ascoltando i suoi lamenti veniamo insieme. da allora la cosa è rimasta diciamo fuori casa, apre la porta di cantina e capisco che ne ha voglia, scendiamo mano nella mano e stendiamo una coperta quando lo vuole nella fica o si accosta ...
«12»