1. Viaggio in America


    Data: 12/12/2017, Categorie: Saffico, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Salve, vi ricordate di me? sono Adriana, quelli che hanno seguito la mia storia, quando raccontai le mia avventure durante una trasferta di lavoro, sanno già che lavoro per una multinazionale, e che in occasione del recente Congresso organizzato dalla casa madre, sono stata promossa al rango di Supervisor delle attività di Research and Developments della Società.Premesso questo, ora, accompagnata dalla mia Assistente Daniela, sto per imbarcarmi sul volo 187 della Delta Airline, che dall’aeroporto di Tessera, da Venezia ci porterà al Kennedy Airport di New York.Per il viaggio siamo anche limitate dai regolamenti riguardanti il peso ed il numero dei bagagli.Così i documenti, le carte di credito ed i soldi sono nelle tasche interne del giubbotto di jeans, e li mio unico bagaglio a mano è il mio portatile.Indosso una gonna di jeans, lunga fino a sopra il ginocchio, il giubbotto di jeans ed una canotta bianca di cotone che mi fascia il busto, mettendo in risalto le mie belle tettine, gambe nude ed ai piedi calzo scarpe da ginnastica comode.Da parte sua Daniela è euforica, all’estero non è mai andata più lontano di Parigi ed il pensiero di andare a New York la manda letteralmente fuori di testa.Anche Daniela per il viaggio si è vestita quasi come me, comoda, l’unica grande differenze sta nel fatto che lei indossa una minigonna assassina, mettendo così in mostra, forse anche troppo, le sue belle gambe.Daniela è una bella ragazza, solare, con tutte le curve al posto giusto e nella ...
    misura giusta, fino al Congresso era la mia segretaria, ma quando l’Executive Vice-President per il settore Research and Developments mi ha promossa al rango di Supervisor di quel ramo di attività, ha promossa anche lei, e così da segretaria è diventata assistente, in questo modo, non mi molla mai di un passo.Il mio rapporto con Daniela, non è soltanto informale, ma è anche molto intimo ... beh avete capito o no?Ci comportiamo con molta cautela e discrezione, visto che dopo aver trovato Antonio, mio marito, nel letto coniugale nudo intento a sodomizzare un giovanotto sui 20 anni, ho chiesto il divorzio e quindi la prudenza è di rigore.Ma ora per una decina di giorni staremo lontano e libere, ovviamente nei limiti del buon gusto, non sono un esibizionista e non mi piacciono certe ostentazioni.Daniela sarebbe molto più libera di me, tanto lei non rischia niente, ma si adatta ai miei desideri.Ci chiamano per ì’imbarco e ci avviamo.Viaggiamo in Business Class ed invece di essere in tre per fila di poltrone, siamo in due e possiamo muoverci con un po’ più di libertà.Appena sistemate, Daniela mi prende la mano e la stringe delicatamente, avvicina il viso per parlarmi piano.“Dottoressa, che bello .. andiamo lontano insieme, libere di fare quello che vogliamo ... vero amore?”Sorrido ma devo darle una calmata, so che lo prenderà male, ma non posso fare diversamente. “Daniela amore, potremo fare quello che vogliamo solo di notte, in pubblico dovremo per forza mantenere un atteggiamento ...
«123»