1. Badante di nonno Gino (parte seconda)


    Data: 13/12/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: valeriogr, Fonte: Annunci69

    accarezza le palle e una alla volte le succhia quasi facendomi male. 'Dai prendilo in bocca ho voglia' esclamo. Lui niente mi infila due suoi ditoni nel sedere senza avvisarmi, mi lamento. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Ora mi preme forte il glande mi fa male, non riesco a distinguere il dolore dal piacere i due segnali contrastanti arrivano in testa contemporaneamente. Mi sembra di impazzire. Ora lecca accuratamente l'inguine a destra e a sinistra mi fa piegare le gambe cosi' riesce a leccarmi anche il mio buco la lingua arriva quasi a penetrarmi, poi di colpo dopo aver afferrato entrambe le palle mi morde con violenza tra lo scroto ed il culo. Urlo dal dolore, mi azzittisce subito prendendo tutto il mio cazzo in bocca, appena sono rilassato a godermi questa piu' che piacevole succhiata, mi strizza le palle gonfie provocandomi un dolore lancinante. Protesto voglio smettere, e' allora che riprende a leccarmi cazzo, palle inguine il mio cervello e' entrato in tilt dolore, piacere si mischiano ...
    troppo velocemente. Sto per venirgli in bocca il mio cazzo sta per eruttare, ma ancora non vuole il mio sperma anzi si ferma e mi morde con violenza l'interno della coscia lacerandomi leggermente la pelle e' strano ora il morso e' arrivato al cervello come un impulso di piacere. Lui se ne accorto, con entrambe le mani mi blocca il cazzo e riprende a leccarmi il frenulo lo avverto sto per venire allora lui mi morde con forze inaudita il frenulo che aveva leccato fino a poco prima. Urlo. Ma non e' dolore mi sembra di impazzire mi blocca ancora un attimo, con un suo ditone nel culo prende a succhiarmi con avidita' fino a farmi scoppiare. Gli riempio veramente la bocca. Lui si ferma io mi calmo sono esausto. "Ma sei matto? . Mi hai fatto impazzire!" Nell'interno coscia e' chiaro il segno lasciatomi dal morso. "Cavolo mi hai fatto sanguinare!" Prendo il mio cazzo esausto mostrandogli la piccola lacerazione al frenulo, lui si avvicina e lentamente lecca piccola la ferita. Che bello studiare da nonno Gino..
«1234»