1. La scoperta delle corna - cena a casa


    Data: 13/12/2017, Categorie: Tradimenti, Autore: Dan_I, Fonte: Annunci69

    Segue i tre racconti precedenti Sabato sera arrivò rapidamente. Antonella aveva pensato a tutto, i bambini dai nonni, la casa perfetta con la nostra terrazza già pronta per la cena, un menù leggero e dell’ottimo vino ed un appuntamento dall’estetista e dal parrucchiere nel tardo pomeriggio dopo un breve sonnellino. Io ero molto agitato ma ormai assolutamente sedotto da questo gioco che lei stava conducendo in fondo con il mio complice consenso. Provavo una strana sensazione allo stomaco e ai testicoli, quasi un piacevole dolore. Quando la rividi per le 18.30 era bellissima. Accese il forno e si andò a preparare, un trucco leggero ed un tubino nero, sufficientemente stretto per fare trasparire le sue forme ma non eccessivo. Una donna di classe ha il suo fascino nella semplicità, non nel vestirsi da zoccola ..anche se questa sera sarebbe stato proprio così. Silvio arrivò puntuale alle 19.30. Poco prima Antonella aveva accesso in terrazza le candele che avrebbero reso bello questo piccolo terrazzo e quando Silvio entrò con un fascio di rose in mano si guardò intorno e fece subito i complimenti per la casa e per l’ambiente. Antonella gli diede un bacio sulla guancia, prese i fiori ringraziando e mi presentò a Silvio che sorridente e cordiale si presentò. Io gli sorrisi non senza pensare a chi fosse lui ed al fatto che si scopava mia moglie, ma ormai il gioco era avviato e non volevo fare la figura del cornuto arrabbiato. Aperitivo, chiacchiere, cena, vino, chiacchiere ed il ...
    tempo trascorreva e devo dire che in fondo capivo Antonella. Silvio era un bell’uomo, affascinante ed un abile conversatore. In più era spiritoso e alle donne piace che gli uomini le facciano ridere. Una combinazione perfetta. Antonella si alzò per riporre qualche cosa in cucina ed io offrii a Silvio un liquore e parlammo un po’ di lavoro, vacanze ed altre amenità. Poi nella penombra Antonella ci si parò davanti sapevo che “il momento” si avvicinava ed il doloro al basso ventre si riproponeva più forte. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Non sapevo in verità cosa sarebbe successo, chi avrebbe condotto il gioco, Silvio aveva il volto tranquillo e sembrava a suo agio, Antonella pure ed io ero probabilmente quello di troppo. Ero quasi lì lì per trovare una scusa per allontanarmi quando Antonella con un guizzo ci disse: “Mi pare che sappiamo tutti la ragione che ci ha condotti qui stasera” Silvio ed io ci guardammo senza parlare ma annuendo. Deglutii e mi parve di fare un rumore strano nel farlo. “Credo sia la prima volta per tutti e che ci sia un po’ di imbarazzo per ciascuno di noi e quindi possiamo fermarci adesso oppure andare fino in fondo e fare questa esperienza”. Anto mi guardò negli occhi sorridendomi e le feci cenno con il capo di proseguire. Silvio si alzò, diede un bacio sulla guancia ad Anto dicendole “sei meravigliosa” e scusandosi andò in bagno a rinfrescarsi. Antonella si sedette su di me alzandosi leggermente il tubino e mi baciò sul collo sussurrandomi ...
«123»