1. La fattoria


    Data: 13/12/2017, Categorie: Cuckold, Etero, Trio, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    che so farlo in qualche posto particolare» cerco di spronarla anche perché è rimasta molto vaga«Veramente una cosa ci sarebbe solo che non vorrei si potesse rovinare tutto»«Spiegati zia perché rimani troppo sul vago»«Ecco zio vorrebbe che io andassi con un altro- pronuncia piano le parole mentre guarda solo la tazzina oramai vuota- e lui vorrebbe assistere» si zittisce subito dopo vergognandosi.«Non vedo nulla di strano si chiama cuckold ora dipende da te- le spiego piano in maniera gentile- se tu vuoi provare vi trovate una persona fidata e lo fate. Se tu non vuoi non lo fate stop» le dico ora rassicurandola.«Va bene da un lato mi va perché purtroppo Clemente è molto che- lascia cadere il discorso alzandosi- dall’altro ho paura. Devo andare, ci devo riflettere».Dopo una decina di giorni dalla chiacchierata vado ad affrontare un esame importante, che supero brillantemente, e al ritorno mi trovo davanti al cancello mia zia Rosa. La faccio entrare e prendiamo nuovamente un caffè insieme.«Senti Gigi devo dirtelo, mi sono decisa a fare quella cosa per lo zio e anche per me. Alla fine è tanto che non godo e dare una scossa non può che farci bene» parla come se avesse un nodo alla gola, e il solo avermelo confessato sembra la renda più leggera.«Bene, zia ti dico di incontrare solo persone fidate ma non c’è bisogno so che hai del sale in zucca»«Appunto persone fidate- rimane per qualche istante in silenzio e poi mi guarda- tutti quelli che conosco hanno la nostra età e mi sono detta ...
    che se voglio fare questa cosa la devo fare per bene. Perché non ci aiuti tu?» mi chiede deglutendo a vuoto, quasi in ansia per la risposta.«Beh penso che qualche amico disposto e fidato lo trovo. Tu sei una bellissima donna e poi sono situazioni che intrigano» dico pensieroso.«No intendo fallo tu con me davanti allo zio. Ci conosci e da quanto ho capito non ti scandalizzi facilmente. Tu sei un bel ragazzo e se veramente sono bella come dici allora hai una nuova tacca da aggiungere al bastone»«Ma quale tacca e tacca zia mica sono così narciso. Fammici pensare perché ti trovo bellissima, vero, ma poi non so come possa reagire lo zio. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare».La proposta mi romba nella mente per qualche giorno anche se so già che accetterò, anche solo per trombarmi Rosa. Non è solo quello però che mi muove, vorrei che il loro fuoco si accenda così preparo tutto. Appena ho tutto pronto li invito a cena la sera preparando qualcosa di buono e sfizioso.Loro fanno finta che vada tutto bene, non capendo quale sia la mia decisione, mentre io sono tranquillo e dialogo normalmente. Al momento del dolce e del caffè andiamo in sala, facendo sedere zio sulla poltrone e io e la zia sul divano, con la scusa che sono i nostri posti.«Che buono complimenti» dice lo zio mangiandolo con voracità mentre la zia lo assaggia piano.«Si proprio buono» conferma guardandomi.«A me piace in un altro modo» appena dico così sia zia che zio si fermano e io portando una mano dietro il collo ...