1. La fattoria


    Data: 13/12/2017, Categorie: Cuckold, Etero, Trio, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    della zia la bacio in maniera passionale. Non ci sono resistenze e le nostre lingue saettano per qualche minuto.«Vero- dice la zia sospirando- è meglio cos컫Ma io non intendevo questo» sorrido baciandola di nuovo e facendola stendere sul divano. Guardo lo zio e gli sussurro «goditela» mentre la gonna lunga della zia la arrotolo sui fianchi, togliendole gli slip. Con un cucchiaio spalmo il dolce sulla peluria e sulle labbra della vagina, affossando la faccia su quella bella fica matura. La lingua saetta lungo le grandi labbra mentre con gli occhi cerco la zia, che inizia a sospirare e fatica a mantenere aperti gli occhi, e poi lo zio che invece ci fissa immobile, seppur dai pantaloni si noti un bozzo. Appena trovo il clitoride faccio andare lì la lingua prima dolcemente poi freneticamente, succhiando con le labbra quando sento che è tanto umido. Il trattamento che la mia lingua riserva a Rosa le fa procurare subito un orgasmo sconquassante.«Ecco Clemente questo è solo l’inizio ora ti faccio vedere che maiala che è tua moglie» poi rivolgendomi a lei «spogliati Rosa e inizia a succhiarmelo» perentorio il tono mentre faccio scendere solo la zip dai jeans e faccio uscire l’uccello duro.Lei lo guarda e si spoglia e si volta a quattro zampe tuffandosi sul mio cazzo voracemente. Clemente, per vedere meglio, si sposta ...
    di fronte a noi fissando la moglie che succhia senza ritegno il mio cazzo duro. Con le mani prendo la testa di Rosa e le fotto la bocca per qualche istante, prima di farla smettere per girarla a pecora e montarla con poca dolcezza. Mentre il ritmo all’inizio è lento una mano artiglia un grosso seno e l’altra va sul clitoride a stuzzicarlo. Sento che reagisce così smetto la penetrazione e lascio che un altro orgasmo venga urlato da Rosa, per poi riprendere a stantuffarla in maniera più dura aggrappandomi alle mammelle in maniera selvatica. Proprio in quel momento si avvicina Clemente che tira fuori il proprio cazzo e inizia a menarselo velocemente, portandosi vicino alla bocca della moglie che lo accoglie in maniera porca. Con la bocca occupata dal cazzo del marito, Rosa produce dei suoni smorzati dalla bocca, mentre la fica munge il mio cazzo in maniera inesorabile.Dopo pochi minuti Clemente non regge e le viene in bocca, andandosi a sedere sfinito, con il cazzo di fuori, sulla poltrona, mentre Rosa raggiunge l’orgasmo poco dopo e io la riempio quasi in contemporanea.Solo dopo essersi ripresi mi ringraziano come se gli avessi fatto il regalo più grande, abbracciandomi a turno e dirigendosi, poco dopo, verso casa augurandomi la buonanotte.Per commenti, consigli, critiche o qualsivoglia fantasia: oliver88@live.it
«1234»