1. Mia Moglie Carla- e i giovani Nico e Andrea che riescono a far lesbicare Carla e la signora Wida (capitolo 7)


    Data: 13/12/2017, Categorie: Trio, Autore: Brunek, Fonte: EroticiRacconti

    MIA MOGLIE CARLA E IL GIOVANE NICO ED ANCHE IL GIOVANE ANDREA FINALMENTE RIESCONO A FAR LESBICARE CARLA E LA SIGNORA WIDA ? ……….ripartendo dal (capitolo 6) vediamo cosa succede di bello. Per essere più brevi, i due giovani Nico ed Andrea, sotto la mia regia, iniziano a mettere in atto i mieri consigli per riuscire a fare incontrare le due donne, le signore Carla e Wida, e coinvolgerle in situazioni di sesso che da tempo sono già coinvolte anche se separatamente. Carla ormai viene chiavata da Nico ed Andrea anche contemporaneamente ed anche la Wida ormai si trova nella medesima situazione, e quindi l’idea di metterle assieme nei giochi di sesso alletta i due ragazzi ma ancor di più me stesso che sono il marito di Carla; Carla che a suo dire non farebbe mai sesso con una donna, mentre la Wida, come da informazioni fornitemi dai due giovani, durante il sesso non disdegnarebbe affatto il coinvolgimento anche di una donna; bene!!! Questa notizia mi dava la direttiva di come iniziare questo nuovo gioco e cercare di riuscire con Carla, per vederla avvinchiata con una donna e non solo maschi. Nico, approfittando dell’assenza per tre giorni dei propri genitori, decideva assieme ad Andrea e naturalmente me, di portare a casa le due donne, senza dir loro che ci sarebbe stata la presenza dell’altra donna; ognuna di loro pensava di essere sottoposta al menage a tre, cosa ormai in atto da tempo, e quindi, verso le 21,30, Nico, giungeva a casa nostra, Io ne ero già a conoscenza, dicendo a ...
    Carla di andare al piano di sotto nel suo appartamento. Carla mi guardava per chiedermi il consenso e visto che Io annuivo, andava in camera a prepararsi come Nico Le aveva chiesto di vestirsi, cioè la gonna con bottoni che al solo tirarla cadeva in terra, camicetta trasparente bianca, reggiseno nero e sandali a spillo. Nico, mi aveva preparato un comodo posto di osservazione in una stanza al buio che mi consentiva, attraverso lo spiraglio della porta socchiusa, di godermi tutta la scena. Nico mi diceva di aver lasciato il portone di casa semiaperto e che avrei potuto raggiungere la mia postazione precedendo il suo arrivo con Carla. A Carla dicevo che sarei uscito per qualche oretta e che poteva stare con Nico senza problemi ed a suo piacimento; ormai era un’abitudine. Raggiunto l’appartamento di Nico e quindi la mia postazione, poco dopo giungevano Nico e Carla e si sedevano sul divano, e poco dopo Andrea si presentava a casa di Nico con la Signora Wida, il cui marito, viaggiatore per lavoro, sarebbe stato assente per 5 giorni. Quando Andrea e la Wida entrano in salotto, le due donne si guardano stupite tanto che nessuna delle due osava dire una parola, poi Carla, con fare normale come se nulla fosse, diceva ciao Wida e questa rispondeva ciao Carla. La Wida guardando i due giovani chiedeva, come mai siamo qui tutti e quattro senza che nessuno avesse detto nulla, e Carla anche lei domandava, sì infatti come mai nessuno, o almeno noi due donne non sapevamo nulla ? Nico rompeva ...
«1234...»