1. Gita scolastica


    Data: 13/12/2017, Categorie: Gay / Bisex, Autore: calegno, Fonte: Annunci69

    Pronti a partire per la solita gita scolastica 3 giorni a Genova. Tutti sul pullman, con 3 professori al seguito. Come sempre ero suduto sul fondo del bus, ed ecco che all'improvviso compare un giornale porno, tutti i miei compagni si accalcano per vedere qualche bella foto. Il prof di educazione fisica, si accorge della situazione e si avvicina, con un candido sorriso ci chiede "Cosa c'è che vi tiene così occupati". Ci dice "no ragazzi niente masturbazioni notturne o giornaliere", e con il solito sorriso prende il giornale e dice che ce lo restituirà al ritorno. Arriviamo a Genova, scendiamo dal mezzo e ci avviamo all'albergo. Ci sistemiamo 2 per ogni stanza, ma essendo noi studenti dispari e i prof anche, uno di noi dovrà dormire con un adulto. Fortuna o sfortuna vuole capito io con il prof di ginnastica. Entriamo in stanza e c'era un letto matrimoniale. Il prof mi chiede se avevo delle difficoltà a dormire in quel letto, io gli rispondo che siamo tra uomini. Arriva sera e ci prepariamo per la notte, va in bagno prima lui, sento che si sta facendo la doccia, dopo un pò esce solo con lo spugnone addosso e con lo spacco aperto sul davanti, noto un bel cazzo. Abbasso gli occhi e faccio finta di niente, invece nel vedere ciò mi ero turbato. Entro in bagno inizio a fare la doccia e nel contempo ripenso alla scena di poco prima e inizio a fantasticare e a toccarmi. Esco dal bagno e faccio la stessa cosa che ha fatto lui, il prof guarda e dice sorridendo: "Però ti difendi bene a ...
    proporzioni!". Con imbarazzo, chiedo scusa e copro la parte intima, mentre lui era sul letto sdraiato solo con gli slip addosso. Prendo gli slip dalla valigia e con accortezza mi abbasso con le chiappe rivolte a lui e vedo che le guarda con interesse. Mi sdraio sul letto e lui mi chiede se quel giornale che aveva sequestrato era il mio. Allora scende dal letto, si abbassa e dalla sua valigia tira fuori il giornale e me lo passa dicendomi "Se vuoi qui lo puoi guardare". Vedo che il suo slip ha una certa pertuberanza è eccitato. Nel vedere questa situazione ho la stessa reazione e per timidezza mi giro a pancia in giù. Prendo il giornale e lo metto sul comodino: "Non lo leggi?" mi chiede. "No prof non mi sembra il caso, sono stanco e ho voglia di dormire." Mi metto soto le lenzuola e così fa anche lui spegnendo la luce. Ma chi riusciva a dormire, ero super eccitato e dal respiro che sentivo di sicuro anche lui, infatti si rigirava nel letto. Dopo circa 20 minuti, sentii i suoi piedi toccare i miei, feci finta di dormire, ma quel sfioramento mi fece salire il sangue alla testa, l'adrenalina era salita a mille. Non avendo risposta, il prof si avvicinò di più, io davo le spalle e sentivo il suo respiro sempre più affannoso. Sentii che si sfilava gli slip e si avvicinò piano piano il suo cazzo alle mie natiche, continuai a far finta di niente e inarcai la schiena per sentire meglio quel pezzo di carne che toccava le mie mutande. A quel punto, le sue mani dolcemente mi sfilarono gli ...
«12»