1. L'aperitivo


    Data: 30/09/2016, Categorie: Tradimenti, Autore: AB&AM, Fonte: EroticiRacconti

    Recentemente R. mi chiamò per un aperitivo insieme. R. era stato mio amante (Diario di un matrimonio: la vacanza) ma non lo vedevo da molto. Dopo il breve aperitivo rimanemmo insieme a chiacchierare un po’; salii sulla sua macchina e rimanemmo nel parcheggio. Mi chiese del mio nuovo uomo. Non potevano cambiare locale perché A era abbastanza di fretta: doveva andare a casa ad“Come va con CM (il mio nuovo uomo che R conosce da anni)? “Bene, è molto attento e premuroso….” “Com’è a letto? Ti soddisfa?” “Come frequenza, direi di si.” “e cosa combinate di particolare?” “Niente, è molto tradizionalista…. Niente posizioni strane….” “e niente culo?” “No! È molto cattolico e dice che è peccato …” “è un peccato avere una come te e non godersela appieno…” rispose ridendo R. Anche a me venne da ridere a pensare a cosa avevamo combinato insieme. “Sei in forma” mi disse. “Grazie, sto facendo molta palestra. Ho solo messo su un po' di pancia!”. “Ti si è anche ingrossato il seno, vedo…”. “Visto che bello?” dissi tirando un po' la camicetta per metterlo in risalto. R allungò la mano e incominciò a palparmi, mi piaceva lo lasciai fare. Dopo qualche minuto, mi slacciò un bottone e infilò la mano sotto la camicetta. Il calore delle mie carni lo eccitò. Io mi godevo ad occhi chiusi la coccola. Il seno era più molle di come lo ricordasse, ma più gonfio. Mi mise l’altra mano tra le gambe, ma lo fermai. “Basta così direi” ...
    Rimase ancora qualche istante con la mano sul seno, poi la tolse, si sfiorò i pantaloni per attirare la sua attenzione all’erezione che glieli stava gonfiando e disse: “Peccato…” “Hai tanta voglia, vero?” Non rispose, ma era evidente…. “Adesso ti calmo io” gli dissi. Gli slacciai i pantaloni; gli toccai il gonfiore attraverso le mutande. “Senti che bello duro! G ce l’ha più grosso di te, ma il tuo è sempre il più duro!” Gli abbassai le mutande e glielo presi in mano. R chiuse gli occhi. incominciai a massaggiarglielo. La cappella era tirata ed era diventata quasi violacea. “Adesso lo riconosco….” Dissi. R incominciò a godere. “Adesso ti sistemo io – gli dissi - nessuna ti fa godere come me, tua moglie non ci è mai riuscita, vero?” R sapeva che era vero…. Aumentai la velocità e lui incominciò a spruzzare godendo. Quando ebbe finito, gli lasciai l’uccello libero e mi pulì la mano con un fazzoletto. “Il signore è soddisfatto?” “Sei Incredibile, ma non ti è venuta voglia?” “Sì, adesso vado a casa a farmi scopare dal mio uomo.” “Ti va di vederci ancora, con più calma?” chiese R. “Ci devo pensare, sei pericoloso!”. “Farò tutto quello che vuoi… tutto ….” Ci pensai, ero bagnatissima. “Dovresti mettere la testa a posto” gli dissi; alzai la gonna. Senza dire una parola si chinò; sentii la sua lingua obbediente, ebbi un orgasmo e quando arrivai a casa dal mio uomo avevo ancora voglia e mi feci soddisfare anche da lui.
«1»