1. Il vicino di casa


    Data: 03/10/2016, Categorie: Tradimenti, Autore: sam19, Fonte: Annunci69

    Dopo circa un anno di convivenza con la mia compagna, Maria, in un piccolo appartamento un po’ vecchio, decidemmo di cambiare casa. Cercavamo un alloggio in una zona della città che fosse più comoda per il lavoro di entrambi, decoroso e possibilmente in buono stato. Viviamo in una grande città del nordovest, per cui trovare casa in affitto non è sempre facilissimo. Dopo un po’ di ricerche trovammo un appartamento nella zona ovest della città. Il proprietario era un signore anziano, pieno di soldi, figli professionisti affermati ed interessato solo a riscuotere mensilmente l’affitto da tutti gli inquilini, in quanto era proprietario di tutto lo stabile, locali dei negozi compresi. La manutenzione dello stabile era affidata ad un signore che abitava l’appartamento adiacente al nostro, in cui viveva solo in quanto sua moglie era mancata qualche anno prima e la sua unica figlia trentenne viveva in un paese della provincia con suo neo-marito. Questo signore si chiamava Romano, età circa 60-65 anni ma molto ben portati. Un bel fisico asciutto, un uomo distinto, educato e comunque piacente nonostante l’età. Non ho mai approfondito la conoscenza personale, doveva essere pensionato o un ex-muratore, in quanto sapeva fare di tutto. Per qualsiasi problema bastava chiamare lui e lo risolveva. Da un tubo che perdeva, all’ascensore bloccato, le serrature delle porte, infissi e quant’altro. Un bel tipo, con l’aria un po’ vissuta di chi ha lavorato tanto ma piacente e molto educato. La ...
    nostra stanza da letto confinava con la sua, ci divideva un muro, per cui avevo sempre avuto il sospetto che le scopate con la mia compagna fossero udite dal signor Romano, sebbene Maria non è solita urlare, ma comunque un po’ di rumore lo fa, specie quando è particolarmente eccitata. Non avevo mai potuto appurarlo, ma il dubbio che potesse sentirci l’avevo. E sinceramene questa cosa non mi interessava più di tanto, anzi un po’ mi eccitava, quando ci si incontrava sulle scale erano sempre sorrisi e gentilezze, ed avevo notato che il suo sguardo spesso cadeva discretamente e quasi timidamente sulla mia compagna e sulle sue tette o il suo culo. Un giorno, dopo circa 6 mesi che vivevamo in quell’alloggio, notai sul muro dietro la lavatrice una chiazza nera di muffa. GA_googleFillSlot("Annunci_300x250"); Subito chiamai il proprietario per farglielo presente e per provvedere alla riparazione, nel caso ci fosse una perdita. Mi disse che la sera seguente sarebbe venuto a dare un’occhiata e infatti, la sera dopo si presentò a casa col signor Romano. Eravamo in casa sia io che Maria, lei indossava un pantaloncino corto tipo ciclista ed una maglietta da palestra smanicata. Non aveva niente di troppo sexy, ma quel pantaloncino corto disegnava perfettamente le forme delle sue intimità, era chiaramente visibile il gonfiore della fica e si vedeva benissimo il segno delle mutandine, inoltre, essendo senza reggiseno, le punte dei capezzoli erano abbastanza nette sotto la maglietta. Insomma, un ...
«1234»