1. Una nuova esperienza


    Data: 29/10/2016, Categorie: Voyeur, Autore: makkiko, Fonte: EroticiRacconti

    Ero con la mia fidanzata e avevamo trascorso la serata sul lungomare di una città vicino, ma la voglia di stare un po' soli e appartati era tanta Così prendemmo la macchina e lasciammo il centro per fermarci nella zona antistante lo stadio su una piccola spiaggia isolata e lontana dalla città. Scendemmo dalla macchina e ci godevamo il mare e la luna stando appoggiati sul cofano. Ma la nostra voglia si faceva sempre più frenetica Così risalimmo in macchina e mi catapultai su di lei abbassando il sedile Lei si distese e mi tirò a se, ci iniziammo a baciare mentre io con le mani le perlustravo tutto il corpo. Le sfilai la maglia e misi la testa tra le tette aveva una bella quarta e io adoravo succhiarmela, le stringevo forte una contro l'altra e ci ficcavo la faccia dentro. Ma proprio mente mi divertivo con le tette di quella ragazza che poi sarebbe diventata mia moglie, accostò un'altra macchina vicino. Non ci diedi tanto peso Pensando che fosse un altra coppia se si fosse appartata ma da lì a pochi minuti un tizio scese dalla macchina e si appoggiò allo sportello guardando il telefono e di tanto in tanto guardare verso di noi, non ci diedi peso Mi distesi di nuovo su Luana e tra le sue tette le leccavo e le succhiavo e man man scendevo sul suo ventre facevo scorrere la lingua su tutto il suo corpo fino ad arrivare al perizoma lo afferrai tra i denti e con l'aiuto delle mani lo sfilai, lasciandola solo quel gonnellino che le cadeva sopra le ginocchia. Avevo il cazzo super ... duro e lo strofinavo contro la sua fica Poi lei si alzò e mi sfilo maglia e il suo pantalone, mi fece accomodare sul sedile del guidatore mentre lei si mise a carponi sul suo sedile mi afferrò il cazzo e cominciò a succhiarmelo con il culo rivolto verso il tizio che adesso non smetteva di fissarci, lo feci presente a Luana che si staccò dal cazzo e mi disse Che ti frega lascialo guardare nel frattempo il tizio aveva fatto qualche passo in avanti per apprezzare meglio il culo in bella vista. Con la mano sinistra afferrai i capelli di Luana e accompagnavo la testa sul mio cazzo Mente con l'altra mano le accarezzavo il culo e facevo sfilare qualche dito sotto al gonnellino e nella fica liscia e rasata già piena umori. Evidentemente lo sconosciuto apprezzo lo spettacolo Si slacciò i pantaloni afferrò il cazzo tra le mani e cominciò a segarsi. Sembrava una persona distinta e per bene sulla cinquantina con capelli brizzolati. Sentivo la calda bocca di Luana strusciare sul mio cazzo, con le mani aveva afferrato l'asta alla base e mi teneva strette anche le palle nel pugno Mi girava la lingua intorno la cappella, stuzzica il frenulo, e si alternava con profonde e lunghe succhiate. Ero troppo eccitato per fermarla e farle notare lo sconosciuto che forse stava esagerando, ma quella situazione bizzarra si stava facendo interessante. Iniziai ad abbassare anche il mio sedile afferrai lei per i capelli e iniziai a baciarla Mi sembrava di sentire il sapore del mio cazzo mentre lentamente mi ...
«123»