1. A casa di papà - Non mi dire


    Data: 16/11/2016, Categorie: Voyeur, Autore: Alba6990, Fonte: EroticiRacconti

    "Che cosa avevamo detto?" Mauro era incazzato nero con Ivan. "Che lei non doveva venire a sapere di Giuliano." Lo stava guardando con il veleno negli occhi. "Perché cazzo gliel'hai detto?!" "Ma che cazzo vuoi?! Mi ha chiesto dov'eri e io gliel'ho detto." "Sai che questo scherzo che mi hai fatto poteva mandare completamente a fanculo tutto quanto?" "Lo vedi anche tu. È pazza di te anche adesso che sa che ti piace scoparti anche gli uomini." Adesso era Ivan quello con un odio quasi represso nello sguardo. "Lo so. È per questo che non sono tanto incazzato. Ti devo ricordare cosa ti può succedere se mi fai un altro scherzetto del genere?" Disse Mauro in tono minaccioso. "Papà?" Giada lo stava chiamando dal soggiorno. Mauro si ricompose: "Arrivo amore!" Che giornataccia! Giada aveva di nuovo litigato con Alessia. Quella troia non mollava l'osso con Stefano! Non poteva semplicemente andare a rompere le palle a qualcun altro anziché a lei? Non ci voleva neanche pensare. Tutta la giornata a farsi venire il sangue amaro, adesso aveva bisogno di rilassarsi. Papá era in camera sua che già dormiva. Era mezzanotte. Lei era seduta sul divano in salotto. Una toccatina per rilassarsi non guastava certo. Si guardò bene intorno per controllare che non ci fossero papà o Ivan nei paraggi, alzò leggermente il volume della tv e si infilò una mano nella mutandina con disegnati gli orsetti. Mano a mano che giocava con il clitoride, il suo nervosismo andava scemando. Sentiva che ad ogni scossa di ... piacere si rilassava ancora di più. Il mondo intorno a lei svaniva piano e le sue palpebre si abbassavano per godere di più del piacere provocato dal tocco della sua mano. Inconsciamente e quasi volutamente, il suo pensiero andava sempre agli abbracci e ai baci che le dava papà. Non sapeva perché, ma avevano qualcosa di ipnotico. Era così in estasi che aveva fatto un piccolo errore di valutazione. Erano in due a spiarla. Ivan si era nascosto veramente bene. Giada non l'aveva visto dietro alla porta della cucina. Si era appostato proprio dietro allo spiraglio tra la porta e lo stipite, curvo su quella fessura con un'erezione che gli faceva quasi male. Come lei aveva iniziato la sua dolce masturbazione, lui aveva tirato fuori il cazzo e aveva iniziato a farsi una lenta sega. Andava al ritmo a cui andava lei. Piano, senza fretta, godendosi tutto lo spettacolo. Oh, cos'avrebbe dato per affondare la sua verga in quel ben di dio. Cos'avrebbe dato per fare l'amore con quella specie di Venere che ora era distesa su quel divano a toccarsi la figa, molto probabilmente pensando a Mauro. I suoi ormoni da diciassettenne erano a mille. O per meglio dire da tredicenne. Lei non sapeva. Voleva tanto dirle la verità ma... Giada stava per venire, così come il suo cazzo stava per scoppiargli fra le mani. Una visione quasi celestiale, la mano di lei che andava sempre più veloce. I loro movimenti erano quasi in sincronia: lei si sgrillettava forte e lui faceva un sempre più deciso avanti e indietro ...
«12»