1. Una madre


    Data: 07/12/2016, Categorie: Etero, Trio, Incesti, Cuckold, Saffico, Autoerotismo, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    "Non è possibile ... non ci posso credere ... non può essere ..."Queste parole le vorticavano nella testa, o forse non riusciva neanche a pensare, tanto era sconvolta: quelle foto non potevano essere lì, anzi, non potevano proprio esistere: le avevano buttate via tutte anni prima - era stata proprio lei a strapparle una per una, per essere sicura che neanche dall'immondizia potessero tornare a importunarla. Quell'idiota di suo marito un giorno le aveva sussurrato: "Quanto sei bella? No: quanto sei figa? Lo sai che mi fai impazzire? Dai facciamo una foto? Ti prego ..." E lei, stupida, si era fatta pregare un pò, ma era chiaro fin dall'inizio che avrebbe acconsentito. Era innamorata. E poi, quante sua amiche avrebbero fatto ben altro per avere quel ragazzo, il suo ragazzo? Qualche foto ci poteva stare, in fondo, senza esagerare naturalmente. Però alla fine un pò avevano esagerato: nudi integrali, pose provocatorie, anche qualche foto decisamente spinta. Quelle per fortuna erano state distrutte ... o forse no? Come poteva esserne certa? Comunque almeno non erano tra queste che ora aveva in mano, e che aveva trovato nella borsa di Luca. Ecco, ecco, questo era il vero problema, anzi, la tragedia: ora le aveva Luca, e Luca era suo figlio!Ma come faceva ad avere le sue foto, a vent'anni di distanza! E cosa se ne faceva poi ... no, no, non voleva pensarci a cosa se ne faceva! Arrossì leggermente, pur essendo sola nella stanza d'albergo, e cominciò a sudare anche se aveva solo addosso ...
    il bikini.Lei l'aveva detto a Claudio, suo marito, qualche tempo prima: "Sai che Luca si masturba?".Lui, senza neanche alzare gli occhi dal giornale, le aveva risposto: "No, non lo so. E tu, come lo sai?""Mah, vedi un pò tu, come faccio a saperlo?!? Forse perché sono la serva della casa, e lavo le mutande di tutti, e se permetti so ancora distinguere la pipì da qualcos'altro!"Lui aveva abbassato il giornale giusto quel tanto da far sporgere gli occhi, che come al solito ridevano, e aveva ribattuto: "Dai, non prendertela, dicevo per dire. Comunque, a sedici anni, non mi pare che sia quel gran problema, no?""Diciassette, caro, ne ha diciassette, anzi, quasi diciotto. Ma tanto, per voi maschi cosa cambia? Maiali sempre!"Come al solito: lui minimizzava, aggirava il problema, e in fondo se ne fregava; tanto c'era lei che pensava a tutto. Va bene, un pò di ragione ce l'aveva: non era una tragedia, Luca era solo un ragazzo normale, che faceva quello che fanno più o meno tutti i ragazzi della sua età. Ma non con le foto della loro madre! Non guardandola mentre si mostrava, mentre si accarezzava in mezzo alle gambe, mentre si leccava languidamente un capezzolo ... e tutto per colpa sua, di quello stronzo di suo marito, perverso come suo figlio! Ma adesso lei ...- LUCA!?! LUCA !!!!!!Luca era lì davanti a lei, in piedi, fermo, che la guardava ... che ci faceva lì, ora? Come diavolo aveva fatto ad entrare senza farsi sentire? E lei aveva in mano le sue foto, e lui le stava guardando, ma ...
«1234»