1. Errori


    Data: 15/12/2016, Categorie: Cuckold, Orge, Saffico, Dominazione, Autoerotismo, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    A nessuno piace l'ora di inglese, specialmente se é tenuta dalla Baciocchi, una donnina acerba ed infuriata con la vita. E' insopportabile per chiunque e per di piú ha un modo di spiegare inespressivo, che induce sonnolenza anche nei più volenterosi. Inoltre é molto pretenziosa: Si arrabbia parecchio se qualcuno si distrae o fa rumore, lanciando cancellini, scrivendo note sul registro e abbassando i voti. Parecchie persone sono state bocciate a causa delle sue sfuriate nei consigli di classe.Malgrado questo nelle sue lezioni riusciamo a distrarci con un briciolo di accortezza. La Baciocchi ha infatti una parziale cecitá; nonostante i fondi di bottiglia che porta appoggiati sul naso, oltre al mezzo metro il suo sguardo non riesce a spingersi. Noi cinicamente sfruttiamo al meglio il suo problema. D'altra parte, una troia del genere non si merita né il nostro rispetto né la nostra considerazione. Ci basta studiare il minimo e scopiazzare per raggiungere la sufficienza nelle sue verifiche.Ad ogni modo oggi c'é la Baciocchi e ciascuno si prodiga in silenziosi passatempi... Chi improvvisa una partita a carte, chi comunica con bigliettini, chi gioca col gameboy.Quanto a me, affezionato all'angolo dell'ultima fila di banchi fin dal primo anno, contavo di farmi un sonnellino, approfittando del fatto che Cristina, mia compagna di banco non avrebbe potuto parlare per i prossimi 50 minuti.Ecco, Cristina, ragazza etiope adottata durante l'infanzia, gran chiaccherona, allegra e tratti ...
    tipici africani: longilinea, occhi grandi e scuri, labbra carnose, massa di capelli ricci invidiabile. Abbiamo sempre avuto una simpatia reciproca, ma non é mai scattata la scintilla che ci ha fatto fare quel passo in piú oltre ad essere semplici amici.Stavo con la testa appoggiata sul banco per riposarmi un po' e sento una gomitata di Cristina. Apro gli occhi e la guardo. Lei sorride e con un'espressione furba mi fa segno di guardare nei banchi davanti al nostro. Lí ci stanno le due oche: Anna ed Elisabetta.Sono di una superficialitá esemplare e un po' sciocche: stanno sempre a spettegolare, a parlare di ragazzi conosciuti o vestiti comprati recentemente.Loro sono del club cellulare: quelli che appartengono a questa categoria durante le ore di inglese fissano lo schermo e si scrivono con chissá chi per 50 minuti.Guardo Cristina con un'espressione interrogativa: Che c'é di interessante? Di tutta risposta lei solleva le sopracciglia, apre gli occhi, piega la testa, invitandomi a guardare meglio.Allungo di poco il collo e in effetti capisco. Le due ragazze davanti a me tengono la testa un po' vicina ma c'é uno spazio in cui si puó vedere quello che c'é sullo schermo:Un ragazzo della nostra etá, atletico, muscoli ben definiti e un cazzo di buone dimensioni.Sí, perché in effetti il ragazzo é nudo.Ci viene un po' da ridere ma riusciamo a trattenerci.Continuiamo a guardare, ormai siamo curiosi di vedere cosa stanno facendo quelle due.Elisabetta, quella che sta tenendo in mano il ...
«123»