1. Il parto anale


    Data: 30/12/2016, Categorie: Autoerotismo, Autore: Anonimo, Fonte: RaccontiMilu

    Dal Cap. XXVIII dell’Enciclopedia del sesso del XXI secolo, Tomo I, “Passioni semplici” (*) (**)(*) Attenzione: l’attività descritta nel presente capitolo può avere effetti collaterali anche gravi, pertanto se ne consiglia l’esecuzione sotto stretto controllo medico. Possibili effetti indesiderati possono insorgere in caso di scorretto svolgimento o in presenza di patologie pregresse, e possono riguardare stipsi, infiammazione anale, prostatite, cefalea, dolori addominali, dispepsia, stomatite, incontinenza.(**) Per le caratteristiche e le modalità descritte nel prosieguo, l’esecuzione di questa Passione è indicata per i soli soggetti di sesso maschile. Non esistono sperimentazioni specifiche su soggetti di sesso femminile, per i quali non se ne conoscono né gli effetti né le conseguenze e pertanto se ne sconsiglia l’esecuzione.Questa Passione è caratterizzata dalla meticolosa preparazione di cui necessita, ricambiata tuttavia da un orgasmo tanto intenso quanto travolgente, il quale ripagherà sicuramente dell’impegno profuso nella sua realizzazione.Per prima cosa il lettore che vorrà cimentarsi in tale impresa abbia l’accortezza di seguire un regime alimentare molto asciutto nei 2-3 giorni che precedono l’esecuzione dell’esercizio (4-5 o anche più in caso di stipsi o stitichezza cronica). Si consiglia all’uopo di seguire un’alimentazione a base di riso, patate, mele, banane, oltreché di assumere una certa quantità di fermenti lattici vivi, allo scopo di rendere le feci ...
    quanto più solide possibile. Si richiede di astenersi dal defecare durante tutto il periodo della preparazione, pena l’annullamento degli sforzi fin qui protratti e la necessità di cominciare daccapo la preparazione.Lo scopo di questa fase preparatoria consiste nella produzione di un fecaloma, o tappo fecale, che vi consentirà l’accumulo di feci nella quantità necessaria all’esecuzione della Passione, che avremo modo di illustrare più avanti.Già nei primi giorni della preparazione il lettore si sentirà gonfio, avvertirà la necessità di liberarsi ma allo stesso tempo se ne sentirà impedito dalla consistenza del materiale che ne ostruisce il passaggio.Allo scopo di favorire il trattenimento delle feci, si consiglia di cimentarsi periodicamente, e per non più di due volte al giorno, nel seguente esercizio.Sedetevi sull’asse del water come se vorreste evacuare, a pantaloni e mutande calate, ed iniziate a manipolare il vostro membro fino a far sì che raggiunga la usuale consistenza che precede l’amplesso. Fermatevi quindi e rilassate i muscoli anali come nell’atto prima di defecare ma quando ne sentirete lo stimolo, prendete subito a masturbarvi fino a portarvi in sulla soglia dell’orgasmo, ciò che farà si che lo sfintere anale si restringerà impedendo il passaggio delle feci.Questo esercizio, oltre ad essere utile per aiutarvi a trattenere la preziosa materia oggetto dell’esercizio, vi sarà utile quale attività preparatoria all’esecuzione finale dell’esercizio stesso, come vedremo ...
«1234»